Biography

Anna Ramasco

“Nata a Torino nel 1972, vive e lavora a Milano. Artista poliedrica e visionaria, Anna Ramasco esplora e smaschera, attraverso il suo lavoro, il tragico essere-nel-mondo dell’individuo e lo fa con una leggerezza e un candore che rappresentano la cifra unica e distintiva del suo operare. Una spensieratezza, una giocosa ironia, in cui non c’è spazio per la parola. Perché per l’artista, il dramma umano risalendo in superficie non può essere “detto” ma solamente manifestato attraverso dei segni. Segni che di volta in volta possono concretizzarsi in schizzi, calligrafie, installazioni, fino ad arrivare a performance in cui è protagonista il linguaggio muto per eccellenza: quello dei sordi. Per decifrare le opere di Anna Ramasco è necessario “abitare” l’opposizione tra superficie e profondità, luce e buio, solitudine e moltitudine, gioia e disperazione. Superare le resistenze e lasciarsi coinvolgere. Perché proprio in questi contrasti risiede l’energia vitale, il cuore pulsante della ricerca dell’artista”.

 il video della sua performance 50 segnanti fa parte della Collezione Pinault

Dopo il progetto Erasmus a Granada (Spagna) nel 1994-95, si laurea in scultura all’Accademia di Belle Arti di Brera nel 1996, specializzandosi successivamente con un Master in Management artistico presso l’Università Cattolica di Milano e un Master dell’Unione Europea in Comunicazione e organizzazione nelle arti visive. Frequenta workshops con Antoni Muntadas e Francesc Torres ed ottiene nel 2012 un Residence per artisti alla Scuola Internazionale di Grafica di Venezia.

Dal 1997 al 2001 lavora come operatrice culturale con importanti istituzioni di arte contemporanea milanesi quali la casa editrice CHARTA, l’organizzazione no-profit VIAFARINI, la galleria STUDIO GUENZANI.

Dal 2003 al 2005 collabora col celebre architetto Peter Zumthor presso la Facoltà di Architettura di Mendrisio ed insegna all’Accademia di Belle Arti di Brera.

Dal 2005 al 2009 prosegue la sua attività didattica presso la cattedra di Progettazione Ambientale del Politecnico di Milano.

Dal 2011 insegna anche a ragazzi DVA.

A partire dal 2003 elabora lavori di grafica e scenografia per aziende

 

Selezione mostre:

  • 50 segnanti (Enlightment PALAZZO GRASSI Venezia 2014)
  • STOP THE WAR (Indra and Samia Gallery London 2014)
  • Scala C (Scala C Roma 2014 a cura di Nicole Voltan e Sandra Hauser)
  • Artverona (Sez Indipendents Archivo Queer Italia Cuntemporary 2013 a cura di Giulia Casalini )
  • Controzona (Forte Carpenedo Venezia Mestre 2013 a cura di Cantiere Corpoluogo)
  • Ecology of mind (Forte Marghera Venezia Me 2012 a cura di Cantiere Corpoluogo)
  • Lettere emotive (GALLERIA 3D Venezia Mestre 2012 a cura di Cantiere Corpoluogo)
  • DMY Youngsters Berlin (Mitte) 2009
  • Fuorisalone (NHOW HOTEL Milano 2009 a cura di E. Scantamburlo e M. Lukaszewski)
  • Con-munication (NHOW HOTEL Milano 2009) a cura di E. Scantamburlo
  • Arte Pubblica ( Parco regionale dei Corni di Canzo 2007-2009)
  • YKJWZ (Zurich 2005)
  • Scritture emotive (Galleria Blanchaert Milano 2002)
  • Attacchi urbani per una civile convivenza – Intervento al Prince Albert Blob di Rirkit Tiravanija (Galleria Civica di Trento 2003)
  • Salone dell’arredo urbano (ESTERNI- Milano 2003)
  • Stati Mentali (VIAFARINI Milano 2001 a cura di G. Scardi)
  • La ville, le jardin, la mémoire (Villa Medici Roma 1999 sez. progetti a cura di B.Pietromarchi)
  • Periscopio ’97 ( Periferie milanesi 1997 a cura di F.Tedeschi e A. Madesani)
  • Galleria Centro Culturale La Casa de Porras (Granada ES 1995).